sabato 27 maggio 2017
06.08.2012 - redazione

Fermate due minorenni rom per possesso di arnesi atti allo scasso

Dopo essere già state segnalate dai Carabinieri di Bolzano, due minorenni di etnia rom hanno tentato ad Alassio di forzare le porte di un paio di appartamenti. Fermate dai Carabinieri alla stazione ferroviaria e affidate ad una comunità femminile di Imperia, riescono a fuggire con la scusa di fumare una sigaretta.

I Carabinieri del Radiomobile di Alassio nel week-end hanno fermato altre 2 minorenni (dopo quelle fermate a Laigueglia pochi giorni prima) di etnia rom (12 e 14 anni), le quali, armate di 2 grossi cacciaviti di 30-40 cm, hanno cercato di forzare le porte di un paio di appartamenti di Alassio.

Sorprese in entrambe le occasioni, sono fuggite, ma i carabinieri, allertati dai cittadini tramite servizio 112, le hanno trovate nei pressi della Stazione e accompagnate in caserma. Perfettamente informate dei loro diritti e a conoscenza del fatto che vista la loro giovane età non potevano essere arrestate. Le minorenni non avevano documenti, telefonini e non hanno voluto dare alcuna indicazione sulla famiglia di origine o sulla loro vera identità, anzi ne hanno fornito una falsa.

Identificate grazie alle impronte digitali, si è scoperto che tre giorni prima erano state fermate e denunciate dai carabinieri di Bolzano, perché giravano per la città armate di arnesi da scasso. Le due minorenni, dopo essere state denunciate (anche in questo caso) in concorso per “possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso” e “false attestazioni”, secondo gli artt. 110 e 707 C.P., su disposizione della Procura per i minorenni di Genova, sono state affidate ad una comunità femminile di Imperia. Giunte nel tardo pomeriggio, dopo mezz’ora dal loro ingresso nella comunità, con la scusa di fumare una sigaretta, sono uscite in cortile, hanno scavalcato la recinzione e sono fuggite.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo