lunedì 25 settembre 2017
08.06.2014 - Pierantonio Ghiglione

A Imperia "Carta, colori e fantasia" con l'antica arte dell'origami

Ad Imperia c’è la settima edizione di “Decoupage (e non solo)” che si tiene presso il centro intorno ai portici di Oneglia. All’interno della manifestazione con lavori di piccolo artigianato e composizioni floreali  , che è allestita con un’area espositiva in via Bonfante, via Vissieux e piazza Dante, c’è anche lo stand “Carta, colori e fantasia” presso la Libreria dei Ragazzi che propone corsi gratuiti per bimbi di un’antica e nobile arte dell’origami.  Incontriamo Simone Gelsomino,  24 anni, studente di ingegneria dei materiali, uno dei tutor volontari che partecipano a questa manifestazione. “Ho iniziato intorno ai 14 anni ad avvicinarmi a questa antica arte dell’origami guardando i video proposti su internet da tutor specializzati nel creare forme di carta – spiega emozionato mentre con abile manualità sta modellando un suo piccolo pezzo di carta – Ogni lavoro ha un suo personale significato, oggi si fanno pezzi anche molto articolati e anche lavori tridimensionali.  Negli anni l’arte dell’origami ha trovato molti aspetti,  ad esempio quello modulare dove piccoli lavori prendono forma uniti tra loro senza colla o adesivi, oppure altre varie tecniche tipo quella del kusudama con ausilio di forbici e colle per ottenere forme particolari. Poi per avvicinarmi ancora di più a questa arte dell’origami ho consultato libri specifici, ma con questi è un po’ più difficile rispetto ai video che sono essenziali per vedere i passaggi manuali e ripeterli con attenzione”.  E proprio sulla mancanza oggi di una certa manualità si discute su quanto sarebbe importante portare nelle scuole questo tipo di arte a livello ludico educativo. “Sarebbe molto bello poter trasmettere quest’arte ai bambini che oggi purtroppo hanno perso un po’ di quella manualità creativa di una volta – sostiene Simone – ma non voglio immaginarmi come un insegnante, questa è un’arte che comporta pazienza e tanta passione, non si può fare con fretta o così per riempire  un programma scolastico”. E sul futuro dice: “Un giorno mi piacerebbe fare una esposizione di qualche mio lavoro, magari per raccogliere anche qualche fondo per beneficenza. Ecco sì, questo mi gratificherebbe molto”.

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo