martedì 21 novembre 2017
29.08.2013 - PIERANTONIO GHIGLIONE

Intervista al podista Lorenzo Trincheri: "sfruttare il territorio con più eventi sportivi"

Il famoso podista imperiese, reduce da molti successi nazionali e internazionali, non nasconde il desiderio di correre più gare in Riviera che possano sfruttare il territorio, richiamare atleti e rilanciare il turismo.

Si è conclusa  la stagione dell’atleta ponentino Lorenzo Trincheri, grande esponente nel campo del podismo nazionale e internazionale. Per lui si è trattato di una stagione eccezionale e ricca di grandi successi che racconta in questa intervista esclusiva ai lettori di Ponenteoggi.

Allora Lorenzo, una stagione 2012 molto intensa, piena di successi  e anche di soddisfazioni.

“E’ stato un anno molto proficuo, ho cominciato a gareggiare già a gennaio con l’Ecomaratona Clivius che si correva fuoristrada a Monteforte d’Alpone vincendo, poi a marzo ho fatto l’Ultrabericus a Vicenza, 65 km, due gare fatte in preparazione alla Maratona des Sables che era il mio obiettivo principale dei primi sei mesi di stagione.

Maratona des Sables che ho corso ad aprile giungendo quinto assoluto e primo di squadra, poi ho recuperato un pochino e ho cominciato a fare le gare che più mi si addicono, quelle in salita, tipo la maratona del Monte Faudo; poi l’impresa in quella dell’Etna da zero a tremila metri, quindi ho fatto qualche gara in Svizzera e negli ultimi periodi di ottobre e novembre ho corso il Tour de Tirol, tre giorni di gara, facendo quinto posto, e una per concludere la mia stagione sopra Bergeggi ottenendo il secondo posto”.

Tu sei un atleta impegnato a livello nazionale e internazionale ma che stenta a trovare spazio e risultati sul terreno locale.  Cosa si può fare per il nostro territorio?

“Qui abbiamo dei percorsi che si presterebbero benissimo a gare, intendo percorsi fuoristrada, non certo su strada. Visto il territorio che abbiamo e il clima molto favorevole meriterebbe sfruttarli magari con qualche gara non eccessiva sul chilometraggio ma intorno ai 30 chilometri che possa essere  inserita in calendario in un periodo giusto. Io sono convinto che attirerebbero tante persone e rilancerebbe anche nel nostro Ponente ligure il movimento del podismo che comunque mi risulta che abbia numeri in crescita. Purtroppo a livello personale non mi è facile centrare risultati pieni sulle mie strade proprio perché mancano gare ufficiali. Anche alla Maratona del Faudo, la gara per eccellenza che passa sotto casa mia, arrivano atleti professionisti che fanno sempre la differenza”.

Cosa manca oggi per il rilancio del podismo e della corsa?

“Io forse ho iniziato tardi a praticare sport, purtroppo lo dico con rammarico, ma in provincia vedo che la Maurina si sta dando molto da fare sotto il punto di vista dei bambini.  Forse ci sono anche troppe famiglie che abituano i loro figli a fare una vita davanti ai computer e quindi un po’ troppo da sedentari o fossilizzati ad un unico sport, che, in Italia, tutti credono oro ma non è, ovvero  il gioco del calcio.”.

A questo proposito una curiosità. Una volta dicevi che tu leggi la Gazzetta dello Sport dalle ultime pagine, quelle che parlano degli sport minori.

“E’ vero, ancora adesso io quando sfoglio la Gazzetta dello Sport la guardo al contrario, dunque per le prime pagine che leggo sono quelle degli sport minori.  Che poi definirli minori per me è un errore visto che tutti gli sport hanno uno scopo paritario che è quello di aggregazione, impegno e salute e non certo di importanza di denaro e visibilità sui media”.

Chiudiamo con qualche anticipazione per la tua stagione del 2013.

“Per il nuovo anno pensavo già di non tornare più in Marocco a fare la maratona des Sables e dunque mi concentrerò a inizio stagione su una gara lunga che mi piacerebbe correre a marzo  che dovrebbe essere il Trail di Parigi con arrivo al secondo piano della Torre Eiffel.  Poi la stagione la programmerò in base agli allenamenti e a cosa propone il calendario.  La voglia e la passione non mi mancano, ho amici e sponsor che credono nel mio programma, spero di ottenere ancora buoni risultati”.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo