giovedì 27 luglio 2017
12.12.2012 - VALERIO GAMBACORTA

Podismo: il trail di “Portofino”, un ponte gettato tra la terra e il cielo

Questo deve essere sembrato ai circa seicento concorrenti (348 gli iscritti alla gara lunga) di quello che non a torto è considerato uno dei trail più affascinanti della Liguria intera e non solo. Domenica scorsa al via la non competitiva di 12 km e quella agonistica di 23 km. L'emozione del primo trail nelle parole di una nostra lettrice e podista - FOTO (rigorosamente con i "ferri" del mestiere in mano).

Il percorso aveva già le caratteristiche giuste per far “innamorare” di sé quanti si fossero cimentati per la prima volta con il podismo “fuoristrada”: start da Largo Amendola nel cuore di Santa Margherita Ligure, per arrivare all'entrata nel parco di Portofino, percorrendo due chilometri di strada asfaltata fino a Nozarego, quindi si proseguiva fino alla Cappeletta delle Gave (zona Mulini) dove a farla da “padrone” su tendini e caviglie erano ciottoli e sampietrini, per ridiscendere a San Rocco di Camogli, risalire in zona “Pietre Strette” questa volta passando da locolità Toca.

A quel punto arrivava la parte più tecnica del percorso; a fare la differenza, infatti, una discesa molto tecnica, particolarmente insidiosa (nel caso ci fossero state condizioni meteo piovose). Ma la fatica veniva ampiamente ricompensata allorché gli atleti arrivavano nella baia di San Fruttuoso; a questo punto il "gioco è fatto", si passa sulla spiaggia di San Fruttuoso, si risale in località Prato - salita ripida - quindi San Sebastiano, località Mulini, Nozarego, Cappeletta fino a raggiungere la strada provinciale tramite una "crosa". L'arrivo collocato in Piazza Martiri della Libertà.

A caratterizzare come sempre le corse off road o trail il fascino di poter affondare la scarpetta tecnica nel fango, nell’erba ancora bagnata dalla brina (anche correndo il rischio di scivolare), insomma la bellezza di un gesto non “monotono” e governato come accade normalmente dalla legge dell’asfalto. Sono molti e sempre di più gli appassionati di questa disciplina, tra questi una nostra lettrice, al via Domenica nel suo primo Trail (quello breve da dodici km), Alice Mormino (FOTO 1), la quale a fine gara è letteralmente entusiasta: "il trail di portofino per me è stato un'immersione nella tranquillità. La giornata limpida e fresca, il percorso suggestivo e vario. Dagli scorci sul mare ai boschi…ho respirato la Natura con la N maiuscola! E' un'esperienza che consiglio, io mi sono avvicinata oggi per la prima volta a questo tipo di gara e sono rimasta pienamente soddisfatta!La paura iniziale è stata quella di non riuscire a terminare una gara che è, in pratica, tutta salita, ma alternando la corsa a una camminata veloce, mi ritengo soddisfatta della mia prestazione! Lo rifarò sicuramente il prossimo anno!"

A trionfare nella gara agonistica di 23 km è stato, tra gli uomini, Fabio Bazzana, specialista degli skyrace e delle corse in montagna con il tempo di 1h e 58 minuti circa (Valetudo Running); tra le donne, invece, vittoria per Luana Righetti (Alpi Apuane Running) con il tempo di 2 h 22 minuti e 56 secondi.

Ora l’appuntamento degli appassionati di podismo si sposta a Ponente: Domenica “Cursa de Natale” sulle strade del Principato di Monaco, in un ideale abbraccio podistico tra le due appendici della Liguria.

Keep on running!

http://www.maratoninaportofino.it/sentieri-di-fraternita/trail-di-portofino/classifica

 

 

 

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo